salta al contenuto

Ammissione tardiva di crediti

COSA E’

È la domanda di ammissione allo stato passivo dopo che questo è stato dichiarato esecutivo da un decreto del giudice e fino al momento in cui non siano esaurite tutte le ripartizioni dell'attivo fallimentare.

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

Art. 52 Legge fallimentare (R. Decr. 16/3/1942 n. 267) modificato dal Decr. Lgs. 9/1/2006 n. 5 e Decr. Lgs. 12/9/2007 n.169

CHI PUO’ RICHIEDERLO

I creditori o altri interessati.

COME SI RICHIEDE e DOCUMENTI

La domanda di ammissione al passivo deve essere indirizzata al Giudice delegato e deve contenere:

  • nome e cognome del creditore
  • indicazione della somma
  • indicazione del titolo da cui il credito deriva
  • indicazione delle ragioni di prelazione
  • indicazione dei documenti giustificativi

Se il creditore non è domiciliato nel comune in cui ha sede il Tribunale, la domanda deve contenere l'elezione del domicilio nel comune stesso; in caso contrario tutte le notificazioni al creditore saranno effettuate presso la cancelleria del Tribunale (del luogo ove l'imprenditore ha la sua sede principale).

DOVE SI RICHIEDE

Tribunale di Cremona – Via Tribunali 13, 26100 Cremona (CR). 
Cancelleria Fallimenti e Recupero Crediti, piano ammezzato – lato sinistro. 
Tel. 0372/548532 
Orario: dal lunedì al venerdì dalle ore 9,30 alle ore 12,00

QUANTO COSTA

Esente da bollo.

Questa scheda ti ha soddisfatto?




Vi ricordiamo che, non essendo un servizio di consulenza legale, non è possibile richiedere informazioni specifiche e personalizzate su singoli casi.