salta al contenuto

Divorzio congiunto

Pagina aggiornata al 06/02/2020

COSA E’

E’ la richiesta dei coniugi, già separati, di procedere in maniera congiunta allo scioglimento del matrimonio civile o alla cessazione degli effetti civili del matrimonio. Può essere richiesto da ciascuno dei coniugi decorsi 1 anno dalla separazione giudiziale o 6 mesi dalla separazione consensuale, con il presupposto che i due coniugi si trovino completamente d’accordo riguardo le condizioni di divorzio. Se i due coniugi non si trovassero d’accordo sarà necessario avviare un divorzio giudiziale.

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

Legge 1/12/1970 n. 898, modificata con Legge 6/3/1987 n. 74

CHI PUO’ RICHIEDERLO

I coniugi in maniera congiunta rappresentati da un avvocato difensore (anche uno solo per entrambi).

COME SI RICHIEDE e DOCUMENTI

È necessario presentare la domanda al Tribunale del luogo di residenza o di domicilio di almeno uno dei coniugi. La richiesta va presentata con un ricorso contenente:

  • il Tribunale che deve pronunciarsi;
  • le generalità dei coniugi ( copia documento d’identità e codice fiscale);
  • l’oggetto della domanda;
  • l’esposizione degli elementi su cui si fonda la domanda di scioglimento di matrimonio con le relative conclusioni;
  • L’indicazione di eventuale esistenza di figli o adottati da entrambi i coniugi durante il matrimonio;
  • Copia integrale dell’atto di matrimonio ( da richiedere nel Comune in cui è stato celebrato il matrimonio);
  • Stato di famiglia;
  • Certificato di residenza di entrambi i coniugi;
  • Copia conforme del verbale di comparizione avanti al Presidente del Tribunale e copia omologa di separazione o sentenza di separazione;
  • Nota d’iscrizione a ruolo.

All'udienza di comparizione davanti al Tribunale i coniugi devono presentarsi personalmente, salvo gravi e comprovati motivi (in questi casi è possibile essere rappresentati da avvocato munito di procura speciale notarile) e munirsi della bozza di sentenza completa di tutte le condizioni e del verbale di rinuncia alle impugnazioni.

N.B. Trattandosi di procedimento giurisdizionale non è consentito far ricorso all’autocertificazione

DOVE SI RICHIEDE

Tribunale di Cremona – Via dei Tribunali 13, 26100 Cremona (CR). 
Cancelleria Civile, primo piano – lato destro. 
Tel. 0372/548584
Orario: dal lunedì al venerdì dalle ore 09.30 alle ore 12.00.

QUANTO COSTA

Contributo unificato da euro 43.

NOTA BENE

Si invitano i gentili avvocati a presentarsi, il giorno dell’udienza, con le copie della relativa documentazione depositata in via telematica, cioè copia dell’atto integrale di matrimonio nonché del verbale di udienza presidenziale ex art. 711 cpc con relativa omologa di udienza presidenziale ex art. 708 cpc e della successiva sentenza di separazione. E’ necessario presentarsi all’udienza muniti di bozza di sentenza completa di tutte le condizioni e del verbale di rinuncia alle impugnazioni.

Questa scheda ti ha soddisfatto?




Vi ricordiamo che, non essendo un servizio di consulenza legale, non è possibile richiedere informazioni specifiche e personalizzate su singoli casi.